Sempre più spesso l’applicatore ha necessità di trovare un rimedio per prevenire la muffa sui muri. Prodotti in spray e liquidi antimuffa aiutano a rimuovere quella che si è già formata senza però risolvere il problema alla radice.

Un valido alleato per questo tipo di problematica è la pittura termica. Da non confondere con il termine “termoisolante”: nessuna pittura è davvero termoisolante – vale a dire che migliora l’efficienza energetica.

pittura termicaLa pittura termica è una pittura professionale atta a aiutare a prevenire la formazione della muffa e batteri causata dall’umidità e dalla differenza della temperatura esterna con quella interna, una delle principali cause della sua formazione.

Essa tende infatti a rendere uniforme la temperatura delle pareti trattate, riducendo la formazione della condensa che forma piccoli accumuli di gocce d’acqua che non evaporano, soprattutto in locali come bagni e cucine, in corrispondenza di ponti termici o negli angoli più freddi e in pareti esposte a nord. La formazione della muffa porta ad avere un ambiente poco salubre e particolarmente problematico soprattutto per chi soffre di allergie.

Ricordatevi che va applicata solo dopo aver eliminato, con prodotti idonei, i residui di muffa ed asportato eventuali parti ammalorate, che dovranno essere ripristinate. E’ comunque sempre molto importante ricordare al vostro cliente che una buona areazione è fondamentale per aiutare a risolvere il problema.

#colore&consigli è la rubrica di FEL dedicata al mondo del pittore edile con la collaborazione de La Coloratrice. Lo scopo della rubrica è dare il proprio contributo per condividere con i professionisti idee, consigli ma soprattutto esperienze.
La Coloratrice nasce nel 2016 da un’idea di Francesca Motta e Antonella Sivaglieri, esperte di decorazione “sul campo” e di consulenza colore maturata anche grazie alla collaborazione con piccole e grandi aziende di pittura.