Articolo de ” La Coloratrice”

Il cemento micronizzato: la soluzione per ambienti ultra contemporanei

Vi è mai capitato di sfogliare quei magazine di design patinati e soffermarvi sulle foto dove spicca la continuità del pavimento e chiedervi di che cosa si tratta? Che prodotto è stato utilizzato?  La risposta è molto semplice:Il cemento micronizzato, o come tutti lo chiamano  “microcemento”.

Questo tipo di rivestimento viene utilizzato sia da chi ha intenzione di ristrutturare casa, che nelle nuove costruzioni. Il microcemento ha svariati campi di utilizzo: grazie alla sua aderenza può essere applicato su qualsiasi tipo di superficie e materiale, da una facciata intonacata, ad una parete attrezzata fino ad un pavimento piastrellato o un bagno. Nelle nuove costruzioni dal concept minimalista, viene scelto il microcemento per la sua caratteristica di superficie continua. Grazie anche alla sua versatilità di posa, architetti e posatori possono optare per qualsiasi tipo di effetto, dal pavimento industriale ad effetto usurato o estremamente liscio.  L’applicazione, rigorosamente fatta dal posatore esperto, si compone di diversi passaggi; da tenere presente che lo spessore arriva ad un massimo di 4/5 mm. A seconda del campo di applicazione, possiamo avere svariate granulometrie: per esempio all’esterno si consiglia l’utilizzo di un microcemento contenente quarzo, per avere più forza alla compressione e all’abrasione. All’interno, invece, si predilige l’utilizzo di un microcemento con polvere di marmo di Carrara, più fino al tatto ma allo stesso tempo resistente all’abrasione e disponibile in due tipi di granulometrie.  I colori del microcemento ricordano la natura; la loro bellezza è che cambiano a seconda di come viene applicato: un effetto materico creerà delle ombre dove il colore risulterà più scuro agli occhi, viceversa un’applicazione liscia darà un colore uniforme che però non si presenterà mai piatto.

#colore&consigli è la rubrica di FEL dedicata al mondo del pittore edile con e del professionista che lavora nel mondo del colore.  Lo scopo della rubrica è dare il proprio contributo per condividere con i professionisti idee, consigli ma soprattutto esperienze da chi di colore se ne intende. 
La Coloratrice nasce nel 2016 da un’idea delle blogger Francesca Motta e Antonella Sivaglieri, esperte di decorazione “sul campo” e di consulenza colore maturata anche grazie alla collaborazione con piccole e grandi aziende di pittura.