Dal 20 al 23 marzo sarà Colonia la città a cui tutti i principali attori europei del settore colore guarderanno. Si perché è in questa bellissima città dal fascino un po’ gotico e un po’ contemporaneo che va in scena l’evento di riferimento del settore colore. Farbe è la fiera sulla piattaforma europea con cadenza triennale in cui le aziende di tutto il mondo si incontrano per comporre quelle che sono le tendenze del mercato del colore professionale, le direzioni da prendere in chiave internazionale e le formule che possono orientare le scelte per l’agoniato successo.

L’edizione di tre anni fa, quella di Monaco, ha raccontato un’evoluzione del mercato appena ripresosi dalla profonda crisi che ha colpito il settore edilizia, ed ora ci prepariamo a vivere l’edizione di Colonia come un aggiornamento sullo stato di salute del settore.

Farbe ci ha abituati ai grandi numeri, ai grandi volumi, all’effetto sorpresa di grandi superfici e di stand grandi quanto padiglioni. Già solo per questo riteniamo che un operatore del settore almeno una volta debba recarsi in Germania e capire quanto siano differenti le dinamiche di questo mercato nel resto d’Europa.

La diversità si respira anche tra i visitatori, pittori edili che in realtà non sono più artigiani ma imprenditori, imbianchini che per poter lavorare devono esibire certificati e diplomi. In Italia siamo ben lontani da questa condizione, e per questo anche la fiera di riferimento ci appare aliena, sproporzionata ma allo stesso elettrizzante.

E l’Italia? L’Italia come sempre c’è, ed in prima linea! Non sono pochi i marchi Italiani che in un modo o nell’altro fanno capolino nell’elenco espositori di Farbe. E, ovviamente, tantissimi anche i marchi internazionali presenti in maniera massiccia nel mercato Italiano. Se la condizione del mercato professionale Italiano può apparire drammatica agli occhi del resto d’Europa, rimane il fatto che la nostra capacità artigianale, l’ingegno e qualità di prodotto sono ancora il vettore che può trainare le tendenze non solo in Europa, ma nel resto del mondo.

Seguiremo questa edizione di Farbe con grande entusiasmo e prepareremo uno speciale in grado di restituire una sintesi esaustiva di come l’evento di riferimento del settore colore in Europa metta le regole del nostro mercato, ma soprattutto come la presenza italiana nel suo interno si determinante perché queste regole siano apprezzate dal mondo intero.