La storia del Marmo Artificiale di Rima non appartiene propriamente alla storia dell’arte, ma ad un più ampio contesto che unisce all’arte della scagliola quella della decorazione architettonica. Essa diventa importante testimone del gusto eclettico dominante in Europa a cavallo tra tardo Ottocento ed inizio Novecento.

Per la verità, l’arte della scagliola ha origine nella pianura emiliana in età cinquecentesca; la sua applicazione, con largo uso dell’intarsio, conosce una certa diffusione, in particolare per quanto attiene le architetture ecclesiastiche e i paliotti d’altare. Alcune varianti di quell’arte troveranno poi cittadinanza presso gli stuccatori luganesi ed intelvesi in particolare. Anche nei principati tedeschi e di Boemia del secolo XVIII si ha notizia di stuccatori in grado di realizzare opere eccelse in marmo artificiale.

Ma solo a Rima si instaura in età moderna un meccanismo di produzione la cui notorietà varca i confini e si impone quasi con un monopolio in Europa.

IL LABORATORIO

Il procedimento della lavorazione del marmo artificiale è lungo, delicato e difficile: in media occorrono dalle dieci alle dodici ore per ottenerne una superficie di un metro quadro.

Il Laboratorio del Marmo Artificiale di Rimal’associazione istituita a Rima nel 2004 con lo scopo preciso di recuperare l’antica tecnica di lavorazione, si propone di rivitalizzare la tecnica del marmo artificiale attraverso la costruzione di un gruppo di artigiani altamente qualificati. L’associazione ha lavorato da anni sul territorio per formare i suoi soci, che oggi sono in grado a loro volta di insegnare la tecnica, progettare e realizzare oggetti, organizzare cantieri per opere di decorazione e rivestimento a tutti i livelli.

I CORSI

Il laboratorio del marmo artificiale di Rima, offre a tutti la possibilità di diventare artisti e artigiani capaci e professionali trasmettendo, con corsi pratici e teorici.

AccademiaFEL, in collaborazione con l’Associazione di Rima, organizza un corso specifico di livello superiore per imparare a padroneggiare la tecnica.